Presso? Mai!

Anche nella scrittura, ognuno ha delle piccole manie, ammettiamolo. Io ne ho due in particolare e sulla prima sono proprio categorica. Non usare presso per indicare il luogo in cui si svolge qualcosa. Ma è di fatto molto usato anche negli articoli dei giornali. Infatti, un convegno, un’inaugurazione, un corso non si svolgono presso l’auditorium Verdi, presso la sala Arazzi, presso la biblioteca capitolare ma si trovano all’auditorium, nella sala Arazzi, nella biblioteca capitolare.

Insomma, se qualcuno vi invita per un aperitivo presso il bar tal dei tali, vi conviene aspettare fuori, vicino all’ingresso e non dentro.

Secondo il vocabolario Zanichelli, presso è un avverbio e significa nelle vicinanze o può essere una preposizione per dire vicino, accanto. Può indicare un rapporto o una relazione ad esempio di dipendenza o un ambiente: ha lavorato presso la ditta YY, è stato ambasciatore presso la Santa Sede.

La seconda piccola mania riguarda il punto esclamativo. Agli inizi del web era usatissimo per incalzare l’utente a fare qualcosa, a cliccare in un link, a iscriversi a una newsletter, ad acquistare un prodotto. Oggi, per fortuna, internet lo propone sempre meno. Il punto esclamativo è un imperativo, quasi un ordine. E francamente è molto invasivo, insistente. I ragazzi lo utilizzano nelle loro chat o sms. Ma gli adulti dovrebbero davvero farne un uso parsimonioso. Uno o due al mese. Non di più!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...